STAMATTINA AL CARCERE DI REBIBBIA

AL CARCERE DI REBIBBIA "POPE IS POP"

50 DETENUTE BALLANO IL FLASH MOB "POPE IS POP", 
TORMENTONE DEI FANS DI 
PAPA FRANCESCO 
ASPETTANDO IL GIUBILEO

di Gabriella Sassone

“Questo Papa è di tutti e con tutti”, dice una donna musulmana. “Grazie a Papa Francesco e al flash mob “Pope Is Pop”, perché oggi ci hanno regalato 2 ore di evasione”, afferma un’altra. 
Felici e contente le 50 detenute del Carcere di Rebibbia che giovedì mattina hanno dato vita al primo flash mob della storia in un carcere italiano. Detenute europee, asiatiche, africane e americana hanno danzato tutte insieme nel cortile di Rebibbia in onore di Papa Francesco, con il flash mob “Pope is Pop”. Con loro hanno danzato una delegazione di 10 “Poppers”, ragazze del movimento che dallo scorso marzo realizza flash mob a sorpresa qua e là per Papa Francesco, che durerà per tutto il Giubileo. L'evento di stamattina, che è inserito nell'iter pedagogico trattamentale che la Casa Circondariale Femminile realizza verso le proprie detenute, è stato inaugurato con la conferenza stampa della direttrice del carcere Ida Del Grosso e di Igor Nogarotto, l’autore della canzone "Pope is Pop" e responsabile del progetto dedicato a Papa Francesco nell’anno del Giubileo. I due hanno sottolineato l’importanza storica, sociale e politica di questo evento, perché le detenute, oltre ad essere di diversa provenienza geografica, sono anche di diversa fede religiosa, cattoliche, musulmane, ortodosse ed atee, ma tutte insieme hanno dato vita ad un progetto unitario, collaborando in armonia, dimostrando che la convivenza delle 'diversità' è attuabile, proprio come professa Papa Francesco. “Per Ratzinger non avrei mai scritto questa canzone”, spiega Nogarotto.
Ecco le nazionalità delle donne che si sono scatenate al ritmo della Papa-canzoncina: albanesi, americane, bosniache, brasiliane, bulgare, canadesi, cilene, filippine, italiane, liberiane, nigeriane, peruviane, rumene, tanzaniane.
Del tormentone del fan club del Pontefice si è occupato persino il “Washington Post”, titolando “L’inizio di una rivoluzione”. Al “Washington Post Igor Nogarotto spiegava: “Il nostro è un Movimento che come nessun altro interpreta lo spirito di Francesco, cogliendone la sua anima POP(olare) e che apre a nuove frontiere comunitarie, al di là degli integralismi cattolici: il nostro flash mob è la prima concreta conseguenza del suo operato, nella direzione di una chiesa meno dogmatica e severa, on the road, più vicina all'Individuo e più aperta alla sfera emotiva, una Chiesa che abbraccia le diverse culture religiose e le 'diversità' in genere”. Il gruppo è aperto a piccoli e grandi, a uomini e donne, etero ed omosessuali. Comprende manager e cantautori. Sono italiani, russi, cubani, statunitensi. Alcuni di loro nemmeno cattolici. Si tratta di un fan club atipico, sorto per un Papa atipico".
Adesso Nogarotto e i suoi “Poppers”, seppur criticati da più parti, aspettano un’audizione del Papa.

Link video ufficiale: https://youtu.be/46RTOoK7Nm4

IL FLASH MOB "POPE IS POP"



IL PAPA E' POP (Testo e Musica di Igor Nogarotto)

Per favore non piangere, non fuggire via lontano, prenditi il tuo tempo, guardati dentro, Alleluia, alleluia
Così questa notte tu non sei solo, Francesco è lì con te, ovunque tu sia, Alleluia, alleluia
Il Papa è pop Il Papa è popolare Il Papa è pop La nostra speranza è il Papa, Alleluia, alleluia
Ascolta il tuo cuore e danza con lui al suo ritmo, vivi le tue passioni, salva il tuoi sogni, Alleluia, alleluia
Il Papa è pop Il Papa è di tutti Il Papa è pop La nostra speranza è il Papa, Alleluia, alleluia
Risuona la discoteca a San Francisco, tutto il mondo canterà con Papa Francesco, Alleluia, alleluia
Il Papa è pop Il Papa è popolare Il Papa è pop Il nostro Papa è speranza, Alleluia, alleluia
Papa non ti fermare Papa non ti fermare Papa non ti fermare


IL FLASH MOB "POPE IS POP"

A REBIBBIA "POPE IS POP"

IL FLASH MOB "POPE IS POP" IN PIAZZA SAN PIETRO

IL FLASH MOB "POPE IS POP" IN PIAZZA SAN PIETRO







Nessun commento:

Posta un commento